Situazione psico-emotiva

Tra pro e contro, tra belle giornate e rotture di scatole derivanti da questa “strana relazione residua”, posso dire che sto bene anche dopo ormai diversi mesi.
Da lunedì a venerdì la mia “ex” è completamente svincolata da me, se non per casi di particolari necessità, mentre le sere dei weekends restano ancora un po’ problematiche a causa dei deficit dell’assistente per i giorni festivi (purtroppo non è facile trovarle sveglie). E comunque negli ultimi tempi anche questa assistente pare abbia ingranato bene, quindi forse riesco a liberarmi completamente anche nei weekends.

Ne ho approfittato per frequentare nuovi amici con cui abbiamo in comune la passione per le escursioni in mezzo alla natura, ma incredibilmente sono riuscito anche a fare qualche notte randagia e solitaria con la tenda. E qui qualche foto ci sta bene 🙂

Ultimamente sto facendo degli esami per approfondire la questione delle mie sempre più frequenti aritmie cardiache che sono iniziate circa 3 anni fa, più o meno quando la mia compagna era uscita dall’ospedale.
Ho fatto esami del sangue specifici (perfetti) e anche un elettrocardiogramma che dura 24 ore (ci si deve portare addosso una macchinetta mentre si vive una giornata normale) che ha registrato queste aritmie e risulterebbero benigne, cioè causate tipicamente da ansia/stress.

EPPURE STO BENISSIMO! Non sono triste, depresso, disperato! Sono felice. Dunque com’è possibile?
Ho provato quindi ad auto-psicoanalizzarmi e direi che le possibili origini sono 2, una negativa e l’altra addirittura positiva, ma forse hanno un comune denominatore:

1) forse… mi sento… mi sento da solo ad affrontare la vita.
Cioè: NON soffro di solitudine, ma mi rendo conto che sto navigando da solo, ho tutto sulle mie spalle e non posso diluire le mie preoccupazioni con qualcun’altro. Anzi piuttosto è un’altra persona a diluire con me le sue.
Sono single, i miei genitori sono anziani e quindi sono passato dallo status di “figlio” a quello di “bastone della loro vecchiaia” (cioè si sono invertiti i ruoli), nessuno pensa a me.
Su questa barca io sono il capitano e anche timoniere, anche mozzo, anche cuoco di bordo, ecc. Non c’è altro equipaggio, non c’è strumentazione elettronica e io sto navigando A VISTA in mezzo all’oceano con le sue possibili tempeste.
Adesso c’è il sole, il mare è calmo e io mi sto divertendo a scorrazzare dove mi pare, ma la barca ha 46 anni e il suo legno inizia a scricchiolare un po’. E non ho né gps né previsioni meteo.
Ho capito che il problema è questo anche perché le mie aritmie sono improvvisamente quasi sparite appena il medico mi ha auscultato il cuore e soprattutto sono stato particolarmente bene proprio durante quelle 24 ore in cui l’holter mi ha tenuto monitorato.

2) Non so come spiegare: ho come una sensazione di “esagerata euforia”.
Cioè, non è una cosa negativa, anzi è in un certo senso una sensazione che mi piace: è quella felicità mista ad ansia che tipicamente si ha quando si sta partendo per un viaggio. Non un viaggio superorganizzato con altre persone, no: un viaggio all’avventura, zaino in spalla, con partenza in solitaria.
Euforia ma anche un po’ di caga, quella caga che in fondo è ciò che ho sempre ricercato, ma poi quando si sta andando davvero……
E proprio come in un viaggio in solitaria, questa eccitazione non è condivisibile: tutti sanno solamente rispondere “cooosa?! Da solooo? Ma non hai paura? E se ti succede qualcosa? E se…? E se…?“.

Chi vivrà vedrà.
Il mio primo inverno da single l’ho passato bene, ma l’inverno forse è più favorevole grazie alle sue giornate corte e alla sua capacità di spingerci ad essere più introversi.
Adesso vedremo l’estate, la stagione del chiasso, delle mille possibilità per divertirsi, del caldo e delle regioni finalmente gialle o bianche.
Intanto mi sono preso un lettore di ebook. E ho l’aria condizionata.

Pubblicato da LatteScaduto

Tutto scade, prima o poi...

12 pensieri riguardo “Situazione psico-emotiva

  1. a me l’holter aveva evidenziato che le mie aritmie ci sono solo durante il giorno. di notte sto una meraviglia. qualche pillolina di xanax all’occorrenza e ritorno come nuova 😀
    Non è vero che l’inverno è più favorevole! Direi proprio il contrario! Se hai superato inverno e lockdownn, l’estate non potrà che essere a gonfie vele. Buon viaggio (di vita)

    "Mi piace"

    1. Insomma, generazione holter! :/
      Al momento cerco di evitare i farmaci e fare dei respiri profondi con espirazioni che… lasciano andare, che buttano fuori.
      Il vero fastidio me lo danno solo quando sto cercando di addormentarmi: mi vengono soprattutto da sdraiato (pare che la panza vada a premere sul diaframma e sul nervo che regola i battiti), ma se proprio non riesco ad addormentarmi prendo una pillolina di melatonina+erberilassanti e sento che si calmano poi mi addormento.
      L’inverno invita al raccoglimento e introversione, cosa di cui in quel periodo avevo molto bisogno, quindi me lo sono goduto.
      Con l’estate ci si sento un po’… “in obbligo” di divertirsi. E può venire un po’ di ansia da prestazione, ansia da non voler “perdere tempo prezioso”.

      Piace a 1 persona

      1. Finché trovi e ti bastano rimedi naturali, fai benissimo ad affidarti a quelli. E’ vero che in estate ci si sente “in obbligo di” ma è anche vero che siamo la generazione dell’holter quindi siamo scusati se andiamo a letto presto e scansiamo le esagerazioni 🙂

        "Mi piace"

  2. Capisco quello che scrivi perché molte delle tue sensazioni sono anche mie, soprattutto il discorso del navigare a vista da soli. Se posso dare un consiglio, hai mai provato la meditazione zen? Può esserti utile per rilassarti in generale, magari lo è anche con le aritmie, se la loro causa è psicologica.

    "Mi piace"

    1. Ho in questo momento sul comodino il libro “zen 2.0” (sinché tu sei al 3.0 😄). Ma secondo me dice cose abbastanza scontate, almeno per chi in passato si è già minimamente interessato a cose simili.

      "Mi piace"

      1. Non avendo letto il 2.0 non so come siano i concetti. Nel 3.0 spiega delle tecniche di meditazione carine, qualcuna l’ho provata e devo dire mi ha aiutato con la mia ansia. Poi a dirtela tutta non sono brava in queste cose. Per me il massimo dello scarico fisico e mentale e tirare pugni e calci ad un sacco 😂 dopo sono rilassatissima e dormo come un ghiro 😅

        "Mi piace"

        1. Mmmm! già ti immagino!
          Vediamo: fascino da ragazza gnocca ma stronza, vestita con un abbigliamento sportivo super aderente, sopra solo un top, sotto un culo scolpito da Michelangelo, con tanga che permette ai leggins di entrare nelle chiappe, capelli raccolti ma con un paio di ciuffetti liberi, viso sudato, una goccia scende, lo sguardo penetrante sembra dire “non ci pensare nemmeno”.

          "Mi piace"

          1. 🤣🤣🤣 nella prossima vita voglio rinascere così! Quando mi allenavo in palestra mettevo delle t-shirt che esplicitavano la mia passione per il Krav maga. Ne ho una bellissima che dice: touch me: the first Krav maga lesson is free 🤣🤣

            Piace a 1 persona

  3. L’estate ti consentirà di fare tante altre escursioni e magari di chiacchierare a lungo con qualcuno sotto le stelle, beandoti del panorama.
    Per il resto si cammina zaino in spalla, con fatica, ma avendo compreso molte cose.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: